VIII Advanced Course in Visual Arts - Giulio Paolini

 

2002

Giulio Paolini, Mimesi, 1975

4 - 25 luglio 2002

VIII Corso Superiore di Arti Visive

Se la politica è l'arte del possibile, l'arte è la politica dell'impossibile

Visiting professor
Giulio Paolini

Direttore
Annie Ratti
Curatori
Giacinto Di Pietrantonio
Angela Vettese
Coordinarnento
Anna Daneri


Giulio Paolini (Genova 1940) ha esordito nei primi anni Sessanta conducendo un’analisi sui concetti di “opera”, “autore”, “rappresentazione” ed “esposizione”. La sua poetica, che dal 1967 ha rappresentato l’ala concettuale del gruppo Arte Povera, si é sviluppata fino a oggi con coerenza e con grande duttilità di mezzi. Il suo vocabolario consiste nell’uso della tela, della carta, della fotografia, del gesso, dell’alabastro, del plexiglas e quant’altro possa presentarsi come strumento della pratica artistica.
GIulio Paolini è il primo artista italiano invitato come Visiting Professor presso il Corso Superiore di Arte Visiva della Fondazione Antonio Ratti.

4 - 25 July 2002

VIII Advanced Course in Visual Arts

Se la politica è l'arte del possibile, l'arte è la politica dell'impossibile

Visiting professor
Giulio Paolini

Director
Annie Ratti
Curatoris
Giacinto Di Pietrantonio
Angela Vettese
Coordinator
Anna Daneri


Giulio Paolini (Genoa 1940)  in the early sixties his analysis on the concepts of "work", "author", "representation" and "exposure." His poetry, represented since 1967 the conceptual wing of Arte Povera, and developed until nowadays with consistently and with flexibility of media. In his vocabulary Paolini uses canvas, paper, photography, plaster, alabaster, plexiglas and anything else that may arise as medium of artistic practice.
Giulio Paolini is the first Italian artist invited as a Visiting Professor at the Advanced Course in Visual Arts at Fondazione Antonio Ratti.