Seicento anni di seta e di colore

Mostra

16 Giugno 2003 / 16 June 2003

La sezione dedicata al colore rosso La sezione dedicata al colore blu La sezione dedicata al colore verde La sezione dedicata al colore bianco Le tonalità introdotte nel Settecento Sezione dedicata ai coloranti sintetici I colori dei tessuti tra Otto e Novecento La sezione dedicata alle Carte de Nuances

Nella mostra sono stati esposti esemplari di sete broccate, damaschi e velluti, dal Rinascimento alla Belle Epoque, insieme a una cinquantina di "Carte de Nuances". Le "Carte" costituivano suggerimenti di tendenza che, sin dalla fine dell'Ottocento, la "Chambre Syindicale" dei tintori di Lione inviava stagionalmente ai couturiers parigini.

Il percorso espositivo, procedeva lungo il doppio itinerario dei tessuti serici e delle sostanze tintorie.

I primi settori illustravano il periodo dal XV al XIX secolo, raccontando l'evoluzione delle tecniche e sostanze tintorie, e indagando il significato simbolico che la società occidentale attribuiva al colore. L'ultimo settore era dedicato alle "Carte de Nuances" - datate dal 1906 al 1939 - che completamente distese esponevano duecento pagine di matassine d'organzino di seta, tinto in migliaia di tonalità dai nomi suggestivi, come toison d'or, scarabé, bleu heliogene.

La prima edizione della mostra ebbe luogo nella primavera del 1999 nella sede della Fondazione a Como, mentre la riedizione del 2003 venne proposta a Villa Carlotta a Tremezzo.

Mostra e pubblicazione a cura di Chiara Buss

Progetto allestimento di Luigi Caccia Dominioni

 The exhibition displays samples of brocade silk, damasks and velvets, from the Renaissance to Belle Epoque, together with approximately fifty "Carte de Nuances". These "Carte" were a range of suggested trends that, as early as at the end of the XIX century, the "Chambre Syindicale" of Lyonnais dyers sent every season to the couturiers in Paris.
The exhibition arrangement unwinds along a double itinerary, silk fabrics and dyeing substances.
The early sections describe the period between the XV and XIX century, explaining the dyeing techniques and substances and researching the symbolic meaning that the Western society attributed to colour. The last section was devoted to "Carte de Nuances" – dating between 1906 and 1939 – which, when spread open, described two hundred pages of small hanks of silk organzino dyed in a thousand shades, each given a suggestive name, such as toison d'or, scarabé, bleu heliogene.
The first edition of the exhibition took place in the spring of 1999 at the Foundation facilities of Como, while the 2003 edition was held at Villa Carlotta in Tremezzo.

Exhibition and publication curated by Chiara Buss

Project set up by Luigi Caccia Dominioni