The XVIII century woven silks

AS.135 Frammento di pezza Lione o Venezia, 1700-1705 Damasco broccato argento filato AS. 23 Porzione di pezza Francia o Italia, 1733-1738 Lampasso, fondo damasco, broccato argento e oro filato e riccio AS.1 Porzione di pezza  Lione, 1713-1718 Lampasso, fondo damasco lanciato e broccato argento filato AS.327 Porzione di pezza Lione, 1740-1745 Gros liseré broccato argento lamellare e filato AS.454 Frammento di pezza Lione, 1760-1770 Gros laminato broccato sete policrome e oro lamellare e riccio AS.174 Frammento di pezza Venezia o Lione, 1745-1750 Gros liseré broccato sete policrome  AS. 796 Frammento di pezza Lione o Venezia, 1750-1775 Droghetto per abbigliamento maschile AS. 195 Frammento di pezza Pékin rigato, broccato sete policrome AS. 496 Frammento di pezza Lione, 1733-1738 Raso broccato sete policrome e argento filato e riccio

Le sete settecentesche

Uno dei nuclei più significativi della collezione del MuST è costituito dalle sete operate (il cui decoro cioè è ottenuto tramite l’intreccio dei fili a telaio) lionesi e veneziane del XVIII secolo: circa 800 reperti che testimoniano le trasformazioni tecniche, sociali e di gusto che segnarono l’ambito tessile europeo di quel periodo. Nella collezione sono rappresentate le principali tipologie tecniche e decorative che caratterizzano l’affermazione della produzione francese e la continuità della veneziana, entrambe su livelli d’eccellenza. I depositi del museo ospitano inquietanti ed esotici bizzarre, leziosi disegni a pizzo, opulenti Jean Rével, chinoiseries rococò, sinuosi meandri, righe e decori minuti improntati al rigore neoclassico; l’abbigliamento maschile di fine secolo è illustrato dalla presenza dei raffinati droghetti, tessuti tecnicamente complessi preziosi nei decori e nel colore. Il grande dispiego di filati d’oro e d’argento, la policromia delle sete impiegate qualifica il gruppo delle sete settecentesche tra i più affascinanti della collezione.

The XVIII century wowen silks

One of the most significant parts of the MuST collection is represented by XVIII century Lyonnais and Venetian worked silk (that is, the décor is fashioned by weaving the threads with a loom): about 800 exhibits bear testimony to the technical, social and taste changes that marked the textile industry of the time. The collection includes the main technical and decorative typologies that brought to the primacy of the French school and the continuation of the Venetian masters, both at excellent levels. The museum halls house ominous and exotic bizarre, cheeky lace patterns, opulent Jean Rével, Rococo chinoiseries, winding meanders, neoclassically rigorous minute details and stripes; the end-of-the-century men’s clothing of highlighted by the presence of sophisticated droguets, technically complicated fabrics, precious details and colours. The massive display of golden and solver yarns as well as the incredible chromatic array qualifies the group of XVIII century silk among the most fascinating examples of the whole collection.