Città in Residenza - Spazi Urbani Partecipati

27 Aprile 2015

Nell'ambito del progetto Città in Residenza - Spazi Urbani Partecipati si sono svolti durante i primi due weekend di maggio 2015 quattro incontri condotti dagli artisti Matteo Rubbi e Carlo Spiga per trasformare il parco di via Anzani attraverso interventi artistici partecipati. Obiettivo: rinnovare insieme ai cittadini del quartiere di Como Borghi il parchetto di via Anzani, coinvolgendoli in un percorso che si concluderà il prossimo ottobre.
Il progetto è stato ideato da Artificio e Radici e Ali, in collaborazione con Fondazione Antonio Ratti e Comune di Como, con il contributo di Fondazione Cariplo.

Gli artisti coinvolti sono ex partecipanti al programma CSAV - Artists Research Laboratory.

Per informazioni contattare cittainresidenza@gmail.com e il gruppo Facebook Gli amici del Parco di via Anzani


The project Città in Residenza - Spazi Urbani Partecipati started during the first two weekends of May, 2015, with four meetings guided by the artists Matteo Rubbi and Carlo Spiga and will end in October, 2015. Aim of the project is the transformation of the park of Via Anzani, Como, through participated artistic interventions, realized together by artists and resident citizens of the Como Borghi neighborhood.
The project was conceived by Artificio and Radici e Ali, in partnership with Fondazione Antonio Ratti and Comune di Como, with the financial support of Fondazione Cariplo.

The artists involved are former participants of the CSAV - Artists Research Laboratory program.

For more information cittainresidenza@gmail.com and the Facebook group Gli amici del Parco di via Anzani



Matteo Rubbi
Studia pittura presso l’Accademia di Brera, Milano, diplomandosi in arti visive nel 2005. Nel 2006 partecipa alla XII edizione dello CSAV - Artists Research Laboratory (Visiting professor: Marietiça Potrc). Nel 2007 fonda, insieme a Emiliana Sabiu e Marco Colombaioni, l’associazione Cherimus, con sede a Perdaxius, nel Sulcis-Iglesiente, in Sardegna. Obiettivo dell’associazione è di innescare un rapporto nuovo tra arte contemporanea e territorio. Nel 2008-2009 partecipa al programma di residenza Le Pavillon, Palais de Tokyo, Parigi. Nel 2011 vince l’VIII edizione del Premio Furla, e nel 2012 è artista in residenza presso ASU Art Museum, Tempe, USA. Ha esposto con mostre personali alla Fondazione Querini Stampalia, Venezia, alla GAMeC di Bergamo, all' ASU Art Museum (Combine Studios), Phoenix. Ha partecipato a progetti e mostre collettive in diversi musei e centri d'arte quali: Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; Castello di Rivoli, Torino; Palais de Tokyo, Parigi; CNAC Le Magasin, Grenoble; PAC, Milano; GAMeC, Bergamo; Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano; MAN, Nuoro; MAXXI, Roma; MACRO, Roma; Isola Art Center, Milano.


Carlo Spiga
Nel 2012 partecipa alla XVIII edizione dello CSAV - Artists Research Laboratory (Visiting professor: Liliana Moro).
Dal 2010 collabora con l’associazione Cherimus partecipando a numerose mostre presso: MACC, Museo d'arte contemporanea di Calasetta, MAN, Museo d'arte della provincia di Nuoro, GAM, Galleria d'arte moderna, Milano, NGBK & Künstlerhaus Bethanien, Berlino, Artissima Lido, Torino, GAMeC, Bergamo, MACRO, Roma, MAXXI, Roma.
All’attività di artista Carlo Spiga affianca quella di musicista/performer, con il progetto Makika e collabora con studiosi, musicisti di diversi ambiti per installazioni, performance e pubblicazioni. Nel 2010 ha partecipato al First Symposium of the ICTM Study Group on Multipart Music. Nel 2014 ha preso parte a The Variable Series#9 workshop del percussionista giapponese Seijiro Murayama, tenuto presso O', Milano e nello stesso anno è stato tra gli artisti selezionati di Aperto_2014_art on the border, a cura del distretto culturale della Valle Camonica.